Spedizione gratuita con una spesa minima di 200€

Proteine anti età, quali sono e quali vantaggi portano

Sei alla ricerca di  diverse proteine e aminoacidi per capire come possano aiutare a mantenere più giovani? Vediamo tre proteine particolarmente importanti e come possiamo usarle per combattere l’invecchiamento.

Il Collagene, elemento chiave per la giovinezza cellulare

Il collagene è essenziale per mantenere la giovinezza della pelle. La pelle è composta principalmente da acqua, ma anche da elastina e collagene, due proteine che mantengono l’elasticità e la resistenza della pelle.

Purtroppo, la produzione di queste due proteine diminuisce con l’invecchiamento, causando la comparsa di rughe e linee sottili su tutto il corpo, soprattutto nelle zone regolarmente esposte alla luce. A 60 anni, la pelle ha perso più di un terzo del suo collagene totale. In effetti, la sintesi del collagene diminuisce del 1,5% all’anno dopo i 25 anni.

Per ridurre questi effetti dell’invecchiamento, visibili a tutti, una soluzione è stimolare la produzione endogena di collagene. Ad esempio, è possibile aumentare l’assunzione di vitamina C (la liposomale ha una biodisponibilità eccezionale) poiché contribuisce indubbiamente alla formazione del collagene. Molte persone scelgono anche di consumare direttamente collagene (attraverso brodi di carne o integratori di collagene, ad esempio) per fornire al corpo gli elementi costitutivi per la sua produzione.

Poiché l’invecchiamento non è l’unico responsabile della diminuzione del collagene nell’organismo, ecco tre consigli per preservare il proprio “capitale collagene”:

  1. Non fumare. Dopo l’esposizione ripetuta ai raggi UV del sole, il fumo è il principale acceleratore dell’invecchiamento della pelle. Nel lungo termine, porta a un’attivazione rafforzata della collagenasi, l’enzima che degrada il collagene.
  2. Limitare le esposizioni prolungate al sole, specialmente quando l’indice UV è alto (in estate). È un gioco di equilibrio perché l’esposizione al sole consente anche la produzione dell’indispensabile vitamina D.
  3. Lavorare per ridurre le fonti di stress, un nemico comprovato del collagene, utilizzando  massaggi (che stimolano la produzione di collagene).

Carnosia, inibitore principale della Glicazione

La degradazione delle proteine, tra cui il collagene, è un altro meccanismo dell’invecchiamento. Nel tempo, le proteine dell’organismo diventano sempre più vittime di un fenomeno chiamato glicazione. Diventano “glicatate”, perdono le loro funzioni e alcune di esse si accumulano nell’organismo, disturbando il funzionamento delle cellule, degli organi e dell’intero organismo. Tra le proteine più colpite ci sono l’albumina, l’insulina, l’emoglobina, le immunoglobuline, le lipoproteine e, naturalmente… il collagene.

Esistono diversi potenziali inibitori di questo fenomeno, tra cui la carnosina, un dipeptide (un “pezzo” potenziale di proteina) prodotto dall’organismo stesso. Il problema è che il livello di carnosina nell’organismo diminuisce anche con l’età. Dopo i 70 anni, la sua concentrazione nei muscoli diminuisce di oltre il 60%, spiegando in parte la perdita muscolare associata all’invecchiamento. Ecco perché talvolta la carnosina (vedi integratore Carnosina) viene considerata una “proteina anti-età”.

Altre misure possono essere adottate per limitare a lungo termine il fenomeno della glicazione:

Bere acqua durante tutta la giornata, anche in piccole quantità, anche quando non si ha sete. Il consumo di acqua è importante per limitare il fenomeno della glicazione.

Mantenere la pelle idratata quotidianamente, utilizzando gel idratanti a base di acqua.

Seguire un’alimentazione equilibrata, evitando il consumo di zuccheri raffinati (la glicazione è una reazione chimica che coinvolge lo zucchero).

Sirtuine: potenziano la riparazione del DNA e rallentano l'invecchiamento

Esiste una famiglia intera di proteine soprannominate le “proteine della giovinezza”: le sirtuine. Agiscono su numerosi meccanismi cellulari associati all’invecchiamento come la riparazione del DNA, la resistenza allo stress ossidativo o la lotta contro l’infiammazione. Purtroppo, anche in questo caso, la loro produzione diminuisce con l’età. E poiché non è possibile integrare le sirtuine, la strategia consiste nell’investire su due composti che possono attivare la loro produzione secondo diversi studi: il NAD, una coenzima essenziale presente nelle cellule, e l’AMPK, una proteina cellulare anch’essa considerata una “proteina anti-età”.

Per quanto riguarda il NAD, l’integrazione non è efficace poiché il composto viene degradato nell’intestino. Ma non è il caso dei suoi precursori, il riboside di nicotinamide (NR) e il mononucleotide di nicotinamide (NMN), entrambi considerati potenziali composti “anti-età” per questa ragione. Lo stesso vale per l’AMPK: è necessario passare attraverso composti che possono attivare la sua produzione interna e che riescono a superare la barriera intestinale

Consigli per potenziare la produzione di sirtuine:

  • Aumentare l’assunzione di triptofano (riso integrale, carne,  uova, arachidi, noci) per sostenere la sintesi del NAD;
  • Assicurarsi di consumare prodotti vegetali crudi, che possono contenere precursori del NAD;
  • Aumentare gradualmente l’attività fisica regolare (ma non intensa) poiché stimola sia la produzione di NAD che di AMPK;
  • Limitare l’apporto calorico alimentare (restrizione calorica) per tutta la vita, anche se questo è probabilmente il consiglio più difficile da seguire.

Reinassance, integra le proteine antiage in maniera mirata

Vuoi affrontare gli effetti dell’invecchiamento in modo mirato? Beh, c’è un concetto chiamato “Attività Senolitica” che è la chiave per farlo.

Questo termine si riferisce all’azione di distruggere le cellule senescenti, le cellule invecchiate che devono essere eliminate perché possono causare danni al corpo. Queste cellule non funzionano più normalmente e rilasciano sostanze pro-infiammatorie che rallentano le cellule sane vicine. Ma non temere, abbiamo una soluzione: Renaissance.

Renaissance è progettato per contrastare l’invecchiamento in modo efficace e naturale. Contiene ingredienti come il nicotinammide riboside e la carnosina, che sono noti per i loro effetti anti-età. Il nicotinammide riboside è un precursore del NAD, che è essenziale per l’energia mitocondriale e il benessere generale. La carnosina, d’altra parte, è un potente inibitore della glicazione, che può aiutare a mantenere la pelle giovane e sana.

Ma Renaissance non si ferma qui. Contiene anche ingredienti come la quercetina fitosomiale e la fisetina, che favoriscono l’attività senolitica, distruggendo le cellule senescenti e ripristinando il benessere cellulare. Inoltre, contiene composti come l’acido R lipoico e l’ubiquinolo, che aumentano l’energia mitocondriale, il che significa più vitalità e giovinezza per te!

Inoltre, grazie alla sua formulazione unica, Renaissance può attivare l’AMPK, un enzima che svolge un ruolo fondamentale nel rallentare l’invecchiamento e mantenere la salute generale. Ingredienti come la berberina, il resveratrolo e l’estratto di gynostemma lavorano insieme per attivare questa importante via metabolica e aiutarti a vivere una vita più sana e in armonia con l’anti-invecchiamento.

Quindi, se desideri combattere gli effetti dell’invecchiamento in modo mirato, Renaissance potrebbe essere l’alleato ideale per te. Dai un’occhiata a questa formula avanzata e scopri come potrebbe aiutarti a sentirti giovane e in salute più a lungo!

condividi l'articolo

altri articoli

Altri articoli che potrebbero interessarti:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

UN COUPON DI 50€ PER TE!

Rimani aggiornato sulle ultime novità di Arrete le Temps: iscriviti alla newsletter! Sarai il primo a scoprire le informazioni sui prodotti in arrivo e le relative promozioni lancio!

Inserisci la tua email e riceverai un coupon di 50€ da utilizzare sul primo ordine! Sarai il primo a scoprire le informazioni sui prodotti in arrivo e le relative promozioni lancio!